CAR-T CD44v6 e altri CAR-T

Pipeline

CAR-T CD44v6

I recettori chimerici per l’antigene (CAR), rappresentano oggi una rilevante strategia terapeutica in oncologia e consistono nell’ingegnerizzazione di linfociti T con recettori diretti contro specifici antigeni tumorali. L’obiettivo è quello di ottenere dei linfociti T con la capacità di eliminare selettivamente i tumori, senza aggredire i tessuti sani del paziente.

Il CAR CD44v6 ha un vasto potenziale terapeutico in quanto si basa sul riconoscimento della variante 6 (v6) dell’antigene CD44 (CD44v6) che è espressa da molte neoplasie ematologiche (leucemia mieloide acuta, mieloma multiplo) e da numerosi tumori solidi di origine epiteliali (mammella, polmone, colon, pancreas, e della testa/collo).

La terapia con il CAR-T CD44v6, prevede di isolare le cellule T del paziente e di modificarle ex vivo con un vettore virale. Le cellule T vengono ingegnerizzate per esprimere il CAR ed il gene suicida HSV-TK già utilizzato in Zalmoxis®. Grazie alla presenza del CAR i linfociti riconoscono ed uccidono le cellule tumorali, mentre il gene suicida consente di eliminare i linfociti T in caso di reazione tossica contro i tessuti sani del paziente.

Una volta ingegnerizzate, le cellule T esprimenti il CAR sono espanse in vitro sino ad ottenere la necessaria dose terapeutica e quindi vengono infuse nel paziente. Prima di ricevere le nuove cellule, il paziente è sottoposto ad una chemioterapia linfo-depletante, ossia al trattamento con farmaci che eliminano parte dei suoi linfociti T. Con questa terapia si favorisce l’attecchimento e la permanenza in circolo dei linfociti T modificati per esprimere il CAR.

A marzo 2019 MolMed ha ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica di fase I/II first in man con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta (“AML”) e mieloma multiplo (“MM”). MolMed è inoltre coordinatore del progetto EURE-CART (EURopean Endeavour for Chimeric Antigen Receptor Therapies) che ha ottenuto un finanziamento europeo di 5.903.146 Euro, nell’ambito di “Horizon 2020” volto a dimostrare la sicurezza e l’efficacia dell’immunoterapia basata su linfociti CART-CD44v6 nella leucemia mieloide acuta e nel mieloma multiplo.

Altri CAR-T

Grazie all’esperienza maturata nello sviluppo del CAR-T CD44v6 autologo, MolMed sta sviluppando altri prodotti CAR-T autologhi contro differenti antigeni espressi selettivamente dalle cellule tumorali.

L’identificazione dei nuovi target tumorali si è basata su un approccio multidisciplinare coordinato dai membri del Scientific Advisory Board, al fine di essere potenzialmente efficaci contro un largo numero di neoplasie, sia di natura ematologica sia solida.

Per lo sviluppo di questi prodotti, MolMed si avvarrà da un lato dell’esperienza acquisita con il lavoro svolto sugli altri prodotti proprietari, dall’altro lato MolMed ha firmato un Master Agreement con AbCheck s.r.o., azienda controllata da Affimed GmbH e leader europea nell’identificazione e screening di anticorpi.

Sulla base dell’accordo, AbCheck utilizzerà la sua piattaforma proprietaria per la ricerca, selezione, ottimizzazione e produzione di diverse human single-chain variable fragments (scFvs), in grado di riconoscere specificatamente ogni potenziale target scelto da MolMed. Le scFvs sono la porzione della molecola CAR deputata allo specifico riconoscimento dell’antigene espresso dalla cellula tumorale.